NUMERO VERDE
800193712

Umidità e muffe in condominio: chi deve pagare?

Una sentenza della Corte d’Appello di Milano condanna il condominio al pagamento, ma con la possibilità di rifarsi sull’impresa costruttrice.

A molte persone che abitano in condominio sarà capitato di dover affrontare i problemi legati al risanamento di ambienti umidi. Se la presenza di muffe e umidità è ricollegabile alla cattiva coibentazione dello stabile, il proprietario ha diritto al risarcimento dei danni da parte del condominio.

Lo ha stabilito la Corte d’Appello di Milano con la sentenza 2680/2015, nella quale precisa che le responsabilità condominiali derivano dal ruolo di custode delle parti comuni, ma che se i danni derivano da difetti precedenti, ci si può rivalere sull’impresa costruttrice.

 Il proprietario può così vedersi riconosciuti sia i danni materiali, derivanti dalle riparazioni dell’immobile e dal ripristino delle condizioni ottimali, sia i danni non patrimoniali, legati agli eventuali problemi di salute causati da muffa e umidità, come raffreddore o asma cronico.

Fonte: edilportale.com


  • è importante tenere sotto controllo l'umidità presente negli ambienti abitati, il suo eccesso è dannoso per la salute delle persone e delle cose.
  • Tergo® per bloccare definitivamente l'umidità di risalita nelle murature.
  • TERGO® è rivolto a chiunque abbia a cuore la propria casa, la sua salute e quella dei propri cari.
  • TERGO® ha un prezzo d'acquisto contenuto e non necessita di altri interventi a supporto.